Notizie dal Mondo

Agcom, via libera fino a luglio ai brand di scommesse nel calcio

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

Via libera fino al prossimo luglio per le sponsorizzazioni dei brand di scommesse alle squadre di calcio. È quanto si legge nel parere dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in risposta alla richiesta di chiarimenti inviata dalla Lega Serie A lo scorso 20 dicembre e firmata dal presidente Gaetano Miccichè. I dubbi della Confindustria del pallone riguardavano la linea di comportamento da tenere per il ‘caso sponsorship’ nato in seguito all’approvazione del decreto Dignità, che ha introdotto il divieto di pubblicità e sponsorizzazioni delle società di gioco anche in ambito sportivo e dunque compresi i club professionistici di calcio. La Lega, riferisce Agipronews, ha chiesto un approfondimento per capire se la deroga prevista dalla legge per il divieto di pubblicità – subito operativo, ma con ‘tolleranza’ di un anno per i contratti già esistenti – fosse valida anche per le sponsorizzazioni, il cui stop era previsto dal 1° gennaio 2019.

Nella riunione di ieri, il Consiglio dell’Agcom “ha espresso l’indirizzo secondo cui anche i contratti di sponsorizzazione in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore del decreto Dignità (12 luglio 2018, ndr) rientrano nell’ambito applicativo” della deroga di un anno, si legge nel documento indirizzato al numero uno della Lega Miccichè e firmato dal presidente di Agcom, Angelo Marcello Cardani. L’Autorità, riferisce Agipronews, conferma “il rapporto di ‘genus ad speciem’ intercorrente tra i contratti di pubblicità e i contratti di sponsorizzazione”, una conclusione condivisa anche dal Ministero dell’Economia a cui pure si erano rivolti i club di Serie A. Per ora, dunque, il divieto di sponsorizzazioni riguarda solo i nuovi contratti, mentre negli ottavi di finale di Coppa Italia e per il resto della stagione le squadre di Serie A (e a questo punto non solo) – dal Chievo, alla Lazio, al Torino, fino alla Roma che esibisce lo sponsor sulla maglia d’allenamento – potranno ‘indossare’ i loghi delle società di scommesse già contrattualizzati su maglie, materiale tecnico e stadio.

To Top